News

"Incendi di veicoli elettrici: fare i conti con le batterie"

Indicazioni per i primi soccorritori quando incontrano un incendio EV.

23 Gennaio 2019, Fonte: antincendio Italia

Le batterie agli ioni di litio dei veicoli elettrici sono fondamentalmente uguali a quelle di un comune smartphone, come riportato da Joshua Lamb, responsabile del Laboratorio Federale per l’analisi sui difetti di funzionamento delle batterie. Ciò che cambia è la quantità: in un’auto elettrica ce ne sono di più. Sfortunatamente, le batterie agli ioni di litio tendono ad esplodere quando si surriscaldano o quando vengono utilizzati il caricatore o l’intensità di corrente sbagliati.

Il primo passo consiste nell'identificare il veicolo in modo che si sappia dove si trova la batteria e come spegnere il veicolo, come più volte affermato da Michael Gorin. "Sappiamo che molti veicoli elettrici si muovono silenziosamente, quindi c’è il rischio che un vigile del fuoco non si accorga che il veicolo è acceso e cercherà magari di aiutare il conducente mentre è ancora in macchina con il piede sui pedali. Oppure un soccorritore sanitario, non adeguatamente protetto e inconsapevole di una dispersione potrebbe rimanere scioccato dalla tensione."

Nel caso di incendi delle batterie agli ioni di litio, inondare abbondantemente e in maniera continuata la parte con acqua. L’acqua non può estinguere il fuoco, ma raffredda le celle della batteria adiacenti, limita la propagazione delle fiamme e previene il rischio di nuovi inneschi

Secondo le stime occorrono almeno 9.000 litri d’acqua per spegnere una batteria, e maneggiare la batteria o spostarla può renderla più incline alla riaccensione.